Card image cap

Dieci cose da fare a Procida, Capitale della Cultura 2022

Il prossimo 9 aprile si terrà la cerimonia di inaugurazione di Procida come Capitale Italiana della Cultura 2022, alla presenza del presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Il programma della cerimonia, che coinvolgerà l’intera isola di Procida, segnerà l’inizio delle manifestazioni che vedranno l’isola campana al centro dei riflettori nazionali.

Dal 1 aprile al 30 ottobre 2022, infatti, Procida sarà palcoscenico per oltre 150 eventi e circa 44 progetti culturali, che coinvolgeranno artisti provenienti da tutto il mondo.

Ecco cosa visitare durante la vostra vacanza a Procida!

Perché visitare Procida

Procida si trova nel Golfo di Napoli, ed è la più importante delle Isole Flegree. Assieme a Ischia, Vivara, Nisida e la poco distante Capri, compone l’arcipelago campano.

Nata come borgo marinaro, è un esempio splendido dell’architettura mediterranea: i colori che caratterizzano le case dell’isola, e che si specchiano nel mare, hanno attirato turisti da tutto il mondo. Per le sue peculiarità, inoltre, è stata scelta più volte come set cinematografico, dal celeberrimo Il Postino con Troisi, al controverso Il Talento di Mr. Ripley con Matt Damon.

Il suo litorale è quasi interamente parte dell’Area Marina Regno di Nettuno: acque blu protette che si estendono poco distanti dall’occhio vigile del Vesuvio. Per quanto riguarda invece il centro abitato, questo è diviso in nove contrade: Terra Murata, Coricella, Sent’cò, San Leonardo, Semmarezio, Chiaiolella, Sant’Antuono, Sant’Antonio e Santissima Annunziata.

Procida in un giorno: cosa visitare

L’isola di Procida si estende per appena 4 chilometri quadrati, ed è perfetta per una visita di una giornata o di un weekend. A meno di un’ora di Aliscafo da Napoli, il suo decollo turistico passa per la valorizzazione di Palazzo d’Avalos, il palazzo principale della contrada di Terra Murata.

Palazzo d’Avalos è stato per secoli un carcere in cui hanno soggiornato ergastolani e delinquenti: dal 2013 è stato trasformato in un polo museale, attualmente visitabile con e senza visita guidata.

Da visitare a Terra Murata sono inoltre il Monastero di Santa Margherita, da cui si gode un panorama stupendo, con vista sul porto, e il Santuario di Santa Maria delle Grazie.

La Marina Grande e Corricella

Queste due contrade sono state rese famose dai film, e dalle fotografie che riempiono il web dell’isola di Procida.

La marina Grande Sent’Co è il porto d’attracco per i turisti appena arrivati sull’isola: qui si trovano bar, ristoranti e movida.

Al contrario, Marina Corricella è il porticciolo di casette colorate e pescatori che intrecciano le reti, come da tradizione. Ricorderete senz’altro le scene del film di Troisi, ma anche le pubblicità più recenti (come lo spot di Dolce & Gabbana, o le pubblicità dei prodotti Apple, che avevano Procida sullo sfondo dell’iPhone).

Scendendo verso l’altro versante dell’isola, si incontra piazza dei Martiri, anticamente chiamata Semmarezio, che offre uno degli scorsi più suggestivi d’Italia. Infatti, la Chiesa della Madonna delle Grazie, con le sue mura giallo pastello, vanno a contrastare le tonalità di blu del mare e del cielo in uno scorcio unico: ogni inquadratura racchiude baie, luce e la vera essenza dell’isola di Procida.

Non a caso è stata scelta come Capitale della Cultura Italiana per il 2022!

procida borgo marinaro

Chiaiolella e l’isolotto di Vivara

L’altro lato dell’isola nasconde Marina Chiaiolella: le spiagge di Ciraccio e Ciracciello, dai fondali alti e dall’acqua cristallina, si affacciano su Ischia. Questa contrada di Procida è ricca di ristorantini e locali, dove degustare i sapori locali. Non lasciate l’isola di Procida, senza aver assaggiato una granita di limoni procidani, ma soprattutto la Paranza. La Paranza è un piatto composto da piccoli pesci appena pescati, e cotti secondo la tradizione della cucina isolana.

Poco distante dal borgo marinaro c’è Vivara: un isolotto di macchia mediterranea, che per diverso tempo è stato vietato al pubblico.

Si tratta di un gioiello naturalistico, dove molte specie protette vivono: le visite avvengono in gruppi contingentati, e seguendo precise linee guida. L’isolotto di Vivara è raggiungibile a piedi, grazie a un ponticello che collega l’isola di Procida a questo piccolo tesoro nascosto.

Come muoversi a Procida

Procida è un’isola molto piccola, ed è possibile anche spostarsi a piedi. Per chi vuole visitarla in poco tempo, o più semplicemente vuole muoversi in modo veloce da un punto all’altro dell’isola, le soluzioni sono molte: ci sono gli autobus di linea, i micro taxi, e i noleggi di scooter e bici, per chi vuole attraversarla via terra.

Vi consigliamo un giro sui microtaxi: sono delle Apecar molto pittoreschi, dipinti di bianco e blu, perfetti per muoversi nelle stradine del borgo storico.

Il noleggio di barche e gommoni è il modo migliore invece per spostarsi a Procida via mare, e sentirsi un marinaio d’altri tempi!

Esperienze imperdibili a Procida

Non solo giro dell’isola in barca, o visita guidata a Palazzo d’Avalos. A Procida, proprio in occasione dell’anno in cui è scelta come Capitale della Cultura, l’isola regala emozioni uniche.

Non perdete l’occasione di vivere l’avventura di essere pescatore per una notte, andando a pescare con i veri marinai del Borgo di Procida! Certe emozioni per cui non basta una vita per dimenticarle. Se siete meno coraggiosi, ma volete comunque godervi il chiaro di luna, il tour notturno in una barca con il fondo di cristallo fa per voi!

Per gli amanti della movida, delle belle foto e del mare c’è un’altra soluzione: che ne pensate di un aperitivo in barca al tramonto?

procida capitale cultura

Strutture disponibili a procida
Qui trovi una selezione di stabilimenti balneari registrati su Cocobuk.com vicino alla struttura che hai cercato.
Card image cap

Dieci cose da fare a Procida, Capitale della Cultura 2022

Il prossimo 9 aprile si terrà la cerimonia di inaugurazione di Procida come Capitale Italiana della Cultura 2022, alla presenza del presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Il programma della cerimonia, che coinvolgerà l’intera isola di Procida, segnerà l’inizio delle manifestazioni che vedranno l’isola campana al centro dei riflettori nazionali.

Dal 1 aprile al 30 ottobre 2022, infatti, Procida sarà palcoscenico per oltre 150 eventi e circa 44 progetti culturali, che coinvolgeranno artisti provenienti da tutto il mondo.

Ecco cosa visitare durante la vostra vacanza a Procida!

Perché visitare Procida

Procida si trova nel Golfo di Napoli, ed è la più importante delle Isole Flegree. Assieme a Ischia, Vivara, Nisida e la poco distante Capri, compone l’arcipelago campano.

Nata come borgo marinaro, è un esempio splendido dell’architettura mediterranea: i colori che caratterizzano le case dell’isola, e che si specchiano nel mare, hanno attirato turisti da tutto il mondo. Per le sue peculiarità, inoltre, è stata scelta più volte come set cinematografico, dal celeberrimo Il Postino con Troisi, al controverso Il Talento di Mr. Ripley con Matt Damon.

Il suo litorale è quasi interamente parte dell’Area Marina Regno di Nettuno: acque blu protette che si estendono poco distanti dall’occhio vigile del Vesuvio. Per quanto riguarda invece il centro abitato, questo è diviso in nove contrade: Terra Murata, Coricella, Sent’cò, San Leonardo, Semmarezio, Chiaiolella, Sant’Antuono, Sant’Antonio e Santissima Annunziata.

Procida in un giorno: cosa visitare

L’isola di Procida si estende per appena 4 chilometri quadrati, ed è perfetta per una visita di una giornata o di un weekend. A meno di un’ora di Aliscafo da Napoli, il suo decollo turistico passa per la valorizzazione di Palazzo d’Avalos, il palazzo principale della contrada di Terra Murata.

Palazzo d’Avalos è stato per secoli un carcere in cui hanno soggiornato ergastolani e delinquenti: dal 2013 è stato trasformato in un polo museale, attualmente visitabile con e senza visita guidata.

Da visitare a Terra Murata sono inoltre il Monastero di Santa Margherita, da cui si gode un panorama stupendo, con vista sul porto, e il Santuario di Santa Maria delle Grazie.

La Marina Grande e Corricella

Queste due contrade sono state rese famose dai film, e dalle fotografie che riempiono il web dell’isola di Procida.

La marina Grande Sent’Co è il porto d’attracco per i turisti appena arrivati sull’isola: qui si trovano bar, ristoranti e movida.

Al contrario, Marina Corricella è il porticciolo di casette colorate e pescatori che intrecciano le reti, come da tradizione. Ricorderete senz’altro le scene del film di Troisi, ma anche le pubblicità più recenti (come lo spot di Dolce & Gabbana, o le pubblicità dei prodotti Apple, che avevano Procida sullo sfondo dell’iPhone).

Scendendo verso l’altro versante dell’isola, si incontra piazza dei Martiri, anticamente chiamata Semmarezio, che offre uno degli scorsi più suggestivi d’Italia. Infatti, la Chiesa della Madonna delle Grazie, con le sue mura giallo pastello, vanno a contrastare le tonalità di blu del mare e del cielo in uno scorcio unico: ogni inquadratura racchiude baie, luce e la vera essenza dell’isola di Procida.

Non a caso è stata scelta come Capitale della Cultura Italiana per il 2022!

procida borgo marinaro

Chiaiolella e l’isolotto di Vivara

L’altro lato dell’isola nasconde Marina Chiaiolella: le spiagge di Ciraccio e Ciracciello, dai fondali alti e dall’acqua cristallina, si affacciano su Ischia. Questa contrada di Procida è ricca di ristorantini e locali, dove degustare i sapori locali. Non lasciate l’isola di Procida, senza aver assaggiato una granita di limoni procidani, ma soprattutto la Paranza. La Paranza è un piatto composto da piccoli pesci appena pescati, e cotti secondo la tradizione della cucina isolana.

Poco distante dal borgo marinaro c’è Vivara: un isolotto di macchia mediterranea, che per diverso tempo è stato vietato al pubblico.

Si tratta di un gioiello naturalistico, dove molte specie protette vivono: le visite avvengono in gruppi contingentati, e seguendo precise linee guida. L’isolotto di Vivara è raggiungibile a piedi, grazie a un ponticello che collega l’isola di Procida a questo piccolo tesoro nascosto.

Come muoversi a Procida

Procida è un’isola molto piccola, ed è possibile anche spostarsi a piedi. Per chi vuole visitarla in poco tempo, o più semplicemente vuole muoversi in modo veloce da un punto all’altro dell’isola, le soluzioni sono molte: ci sono gli autobus di linea, i micro taxi, e i noleggi di scooter e bici, per chi vuole attraversarla via terra.

Vi consigliamo un giro sui microtaxi: sono delle Apecar molto pittoreschi, dipinti di bianco e blu, perfetti per muoversi nelle stradine del borgo storico.

Il noleggio di barche e gommoni è il modo migliore invece per spostarsi a Procida via mare, e sentirsi un marinaio d’altri tempi!

Esperienze imperdibili a Procida

Non solo giro dell’isola in barca, o visita guidata a Palazzo d’Avalos. A Procida, proprio in occasione dell’anno in cui è scelta come Capitale della Cultura, l’isola regala emozioni uniche.

Non perdete l’occasione di vivere l’avventura di essere pescatore per una notte, andando a pescare con i veri marinai del Borgo di Procida! Certe emozioni per cui non basta una vita per dimenticarle. Se siete meno coraggiosi, ma volete comunque godervi il chiaro di luna, il tour notturno in una barca con il fondo di cristallo fa per voi!

Per gli amanti della movida, delle belle foto e del mare c’è un’altra soluzione: che ne pensate di un aperitivo in barca al tramonto?

procida capitale cultura

Strutture disponibili a procida
Qui trovi una selezione di stabilimenti balneari registrati su Cocobuk.com vicino alla struttura che hai cercato.