Card image cap

Cammino dei Mille: a passo lento tra storia e natura

Chi ama la Sicilia e ama il trekking non può perdere l’occasione di scoprire con noi il Cammino dei Mille. 

Un viaggio a piedi alla scoperta delle tracce di Garibaldi e dei Mille in Sicilia. Un’esperienza a dir poco unica per chi apprezza l’idea di turismo lento e sostenibile.

L’itinerario, che permette di arrivare da Renda a Palermo, sarà inaugurato il 18 Maggio 2022 grazie all’intesa tra Comune di Palermo Pro Loco di Monreale.

Raccontiamo il Cammino dei Mille: cos’è e dove ci porta

Il Cammino dei Mille è un percorso naturalistico che ha una lunghezza totale di circa 170 km. Lungo il cammino che da Piano Renda attraversa la provincia di Palermo si incontrano varie tappe che rendono l’esperienza indimenticabile.

Camminando sulle orme dei Mille è possibile incontrare un paesaggio sempre vario. Si passa attraverso città, montagne, boschi. Si viaggia vista mare, vista fiumi, vista laghi per poi arrivare a Palazzo Steri, nel cuore della città di Palermo.

Palazzo Steri: tra simbolismo e bellezza

Palazzo Steri non è solo il punto d’arrivo di questo cammino, ma è anche un simbolo della città di Palermo. Del resto la scelta non è affatto un caso.

Il nome completo di questa bellissima opera architettonica nel cuore di Palermo è Palazzo Chiaramonte Steri anche se i palermitani solitamente lo chiamano Steri.

Oggi qui si trova la sede del rettorato dell’Università di Palermo ma è il passato di questo palazzo a essere glorioso e anche un po’ oscuro. Del resto, qui sono raccolti ben 7 secoli di arte e cultura siciliana ed è sicuramente uno dei monumenti più iconici della città.

Osservando la costruzione si può riconoscere chiaramente il suo primo impianto, che risale al 1300. Fu la famiglia Chiaramonte a richiedere la costruzione di questo meraviglioso palazzo fortificato che, con il tempo, sarebbe diventato un simbolo di potere.

Il palazzo nacque, quindi, come dimora aristocratica di una famiglia molto potente e abbiente. Qui si intrecciano vari stili, da quello tipico dell’architettura normanna a quella islamica passando da quella gotica.

Il risultato è un imponente palazzo che, per oltre 300 anni, venne abitato dalla famiglia Chiaramonte per poi diventare prima abitazione reale e poi tribunale giudiziario. Fu proprio nel 1600 che Palazzo Steri divenne un punto focale della città. In realtà, durante quel secolo caratterizzato dalla reggenza spagnola Palazzo Steri divenne la sede del Tribunale dell’Inquisizione.

Per accogliere tribunale e prigione, con le famose stanze di tortura, venne modificato l’impianto del palazzo che divenne un luogo oscuro e di dolore. Nel 1907, infatti, sono stati rinvenuti i graffiti dei prigionieri della Santa Inquisizione. Frasi o simboli di fede che riportano alla mente ciò che accadeva tra quelle mura.

A questo periodo ne seguirono altri più o meno oscuri. Il palazzo divenne anche scenario di moltissimi eventi storici prima di essere abbandonato per lungo tempo. Dobbiamo attendere gli anni ’70 per una restaurazione di Palazzo Steri da parte di Carlo Scarpa e Roberto Calandra.

Le tappe del Cammino dei Mille

Esistono due varianti del Cammino dei Mille che sarà possibile percorrere a partire dal mese di Maggio 2022. Sono previsti, infatti, un percorso lungo e un percorso breve.

Il percorso lungo del Cammino dei Mille prevede ben 10 tappe, mentre il percorso corto del Cammino dei Mille ne prevede solo 7. La differenza tra i du percorsi si ha nella quinta tappa. Le prime 4 tappe e le ultime 2 tappe sono le stesse per ogni percorso. Tuttavia, ognuno può organizzare il Cammino dei Mille come preferisce: c’è chi include delle tappe e chi ne preferisce delle altre, chi lo fa in un giorno e chi lo fa in più giorni.

Tra i paesi che si attraversano nel Cammino dei Mille troviamo alcune perle della Sicilia. Abbiamo MonrealeSan Martino delle Scale e, ancora, Pioppo Poggio San FrancescoPiana degli AlbanesiSanta Cristina GelaFicuzzaMezzojuso, Villafrati, Cefalà Diana e Godrano, Marinero, Misilmeri per poi giungere finalmente a Palermo.

Per conoscere da vicino tutte le tappe del Cammino dei Mille è utile consultare il sito ufficiale che contiene descrizioni, informazioni e molto altro ancora.

Una delle cose più peculiari di questo camino è che esiste una rete di supporto “Amici del Cammino” che viene garantita dai comuni, dalla regione, dall’Università di Palermo e da varie associazioni. Un aiuto da sfruttare in caso di necessità lungo il cammino.

Come organizzare il Cammino dei Mille

Chi desidera andare sulle tracce dei Mille di Garibaldi in Sicilia può accreditarsi presso la biglietteria del Chiostro dei Benedettini di Monreale. Qui è possibile ritirare il proprio badge che permette di essere accreditati presso la rete di supporto.

Si tratta di un’esperienza unica per rivivere un pezzo molto importante della storia italiana. Sulle orme dei Mille si scopriranno anche alcuni dei paesi e delle zone più belle dell’intera Sicilia. Uno spettacolo naturalistico e paesaggistico, che ben si fonde anche con il concetto di turismo slow e di sostenibilità.

Strutture disponibili a monreale
Qui trovi una selezione di stabilimenti balneari registrati su Cocobuk.com vicino alla struttura che hai cercato.
Card image cap

Cammino dei Mille: a passo lento tra storia e natura

Chi ama la Sicilia e ama il trekking non può perdere l’occasione di scoprire con noi il Cammino dei Mille. 

Un viaggio a piedi alla scoperta delle tracce di Garibaldi e dei Mille in Sicilia. Un’esperienza a dir poco unica per chi apprezza l’idea di turismo lento e sostenibile.

L’itinerario, che permette di arrivare da Renda a Palermo, sarà inaugurato il 18 Maggio 2022 grazie all’intesa tra Comune di Palermo Pro Loco di Monreale.

Raccontiamo il Cammino dei Mille: cos’è e dove ci porta

Il Cammino dei Mille è un percorso naturalistico che ha una lunghezza totale di circa 170 km. Lungo il cammino che da Piano Renda attraversa la provincia di Palermo si incontrano varie tappe che rendono l’esperienza indimenticabile.

Camminando sulle orme dei Mille è possibile incontrare un paesaggio sempre vario. Si passa attraverso città, montagne, boschi. Si viaggia vista mare, vista fiumi, vista laghi per poi arrivare a Palazzo Steri, nel cuore della città di Palermo.

Palazzo Steri: tra simbolismo e bellezza

Palazzo Steri non è solo il punto d’arrivo di questo cammino, ma è anche un simbolo della città di Palermo. Del resto la scelta non è affatto un caso.

Il nome completo di questa bellissima opera architettonica nel cuore di Palermo è Palazzo Chiaramonte Steri anche se i palermitani solitamente lo chiamano Steri.

Oggi qui si trova la sede del rettorato dell’Università di Palermo ma è il passato di questo palazzo a essere glorioso e anche un po’ oscuro. Del resto, qui sono raccolti ben 7 secoli di arte e cultura siciliana ed è sicuramente uno dei monumenti più iconici della città.

Osservando la costruzione si può riconoscere chiaramente il suo primo impianto, che risale al 1300. Fu la famiglia Chiaramonte a richiedere la costruzione di questo meraviglioso palazzo fortificato che, con il tempo, sarebbe diventato un simbolo di potere.

Il palazzo nacque, quindi, come dimora aristocratica di una famiglia molto potente e abbiente. Qui si intrecciano vari stili, da quello tipico dell’architettura normanna a quella islamica passando da quella gotica.

Il risultato è un imponente palazzo che, per oltre 300 anni, venne abitato dalla famiglia Chiaramonte per poi diventare prima abitazione reale e poi tribunale giudiziario. Fu proprio nel 1600 che Palazzo Steri divenne un punto focale della città. In realtà, durante quel secolo caratterizzato dalla reggenza spagnola Palazzo Steri divenne la sede del Tribunale dell’Inquisizione.

Per accogliere tribunale e prigione, con le famose stanze di tortura, venne modificato l’impianto del palazzo che divenne un luogo oscuro e di dolore. Nel 1907, infatti, sono stati rinvenuti i graffiti dei prigionieri della Santa Inquisizione. Frasi o simboli di fede che riportano alla mente ciò che accadeva tra quelle mura.

A questo periodo ne seguirono altri più o meno oscuri. Il palazzo divenne anche scenario di moltissimi eventi storici prima di essere abbandonato per lungo tempo. Dobbiamo attendere gli anni ’70 per una restaurazione di Palazzo Steri da parte di Carlo Scarpa e Roberto Calandra.

Le tappe del Cammino dei Mille

Esistono due varianti del Cammino dei Mille che sarà possibile percorrere a partire dal mese di Maggio 2022. Sono previsti, infatti, un percorso lungo e un percorso breve.

Il percorso lungo del Cammino dei Mille prevede ben 10 tappe, mentre il percorso corto del Cammino dei Mille ne prevede solo 7. La differenza tra i du percorsi si ha nella quinta tappa. Le prime 4 tappe e le ultime 2 tappe sono le stesse per ogni percorso. Tuttavia, ognuno può organizzare il Cammino dei Mille come preferisce: c’è chi include delle tappe e chi ne preferisce delle altre, chi lo fa in un giorno e chi lo fa in più giorni.

Tra i paesi che si attraversano nel Cammino dei Mille troviamo alcune perle della Sicilia. Abbiamo MonrealeSan Martino delle Scale e, ancora, Pioppo Poggio San FrancescoPiana degli AlbanesiSanta Cristina GelaFicuzzaMezzojuso, Villafrati, Cefalà Diana e Godrano, Marinero, Misilmeri per poi giungere finalmente a Palermo.

Per conoscere da vicino tutte le tappe del Cammino dei Mille è utile consultare il sito ufficiale che contiene descrizioni, informazioni e molto altro ancora.

Una delle cose più peculiari di questo camino è che esiste una rete di supporto “Amici del Cammino” che viene garantita dai comuni, dalla regione, dall’Università di Palermo e da varie associazioni. Un aiuto da sfruttare in caso di necessità lungo il cammino.

Come organizzare il Cammino dei Mille

Chi desidera andare sulle tracce dei Mille di Garibaldi in Sicilia può accreditarsi presso la biglietteria del Chiostro dei Benedettini di Monreale. Qui è possibile ritirare il proprio badge che permette di essere accreditati presso la rete di supporto.

Si tratta di un’esperienza unica per rivivere un pezzo molto importante della storia italiana. Sulle orme dei Mille si scopriranno anche alcuni dei paesi e delle zone più belle dell’intera Sicilia. Uno spettacolo naturalistico e paesaggistico, che ben si fonde anche con il concetto di turismo slow e di sostenibilità.

Strutture disponibili a monreale
Qui trovi una selezione di stabilimenti balneari registrati su Cocobuk.com vicino alla struttura che hai cercato.