Card image cap

5 cose da fare a Lecce e dintorni

Siete alla ricerca di cose da fare a Lecce e dintorni? Il calendario di ponti e festività del 2022 è abbastanza ricco ed è il momento perfetto per iniziare a pensare a qualche gita fuori porta.

Ecco i nostri consigli su 5 cose da fare a Lecce e dintorni anche se si ha poco tempo a propria disposizione.

I migliori consigli su 5 cose da fare a Lecce e dintorni

Lecce è la capitale del Barocco leccese, ma anche quella del rustico e del pasticciotto. Tutti ottimi motivi per visitarla. Di certo durante il periodo della tarda primavera e dell’estate la città e i suoi dintorni si tingono di un fascino speciale. Qui ci sono alcune delle mete turistiche più belle del Salento, da conoscere e visitare.

Visitare il centro storico di Lecce

Non si può non partire da qui, dalla visita del centro storico di Lecce uno dei più belli e pittoreschi d’Italia. Qui il Barocco leccese raggiunge la sua massima espressione e ci sono così tanti angoli da scoprire che camminare con il naso all’insù è d’obbligo. Rosoni, balconi, colonne, porte di entrata nella città, chiese: qui tutto lascia a bocca aperta.

Perdersi per le stradine del centro storico di Lecce significa incontrare dei capolavori d’arte e architettura ma anche dei laboratori di cartapesta e pietra leccese, due simboli della città.

Tra le cose imperdibili nel centro storico di Lecce sono tante. Segnaliamo, senza dubbio, la Basilica di Santa Croce e l’attiguo ex monastero dei Celestini. La struttura della chiesa e i suoi bellissimi rosoni sono presenti su tutti i libri di storia dell’arte. Una chicca da non perdere.

Ma Lecce è anche molto altro. Bellissimo il Duomo di Lecce con il suo campanile e l’antistante piazza. Questo è senza dubbio uno degli scorci più belli della città. Da segnare tra le cose da vedere a Lecce anche la Chiesa di Sant’Irene, altro bellissimo tesoro architettonico della città. Tutto il centro storico merita una visita. Il consiglio in più? Date uno sguardo oltre i portoni semiaperti: potreste scorgere dei bellissimi cortili in fiore.

Visitare Piazza Sant’Oronzo

Piazza Sant’Oronzo è un vero e proprio simbolo di Lecce. Qui si erge fiera la statua di Santo Oronzo, Santo protettore della città, proprio a due passi dall’anfiteatro romano che occupa gran parte della piazza. Si tratta di un anfiteatro di epoca romana e, in particolare, risalente all’epoca augustea. Accanto ad esso si trova il cosiddetto Sedile o anche Palazzo del Seggio che risale alla fine del XVI secolo e che per anni fu sede del Municipio della Città.

Scoprire le porte della città

Le 3 porte di accesso alla città di Lecce sono oggi ancora visibili. Un tempo delimitavano l’accesso all’antico centro urbano mentre oggi sono il simbolo degli antichi splendori della città. Si tratta di 3 porte dislocate in 3 punti diversi di Lecce. Tutte bellissime e da scoprire. Nello specifico si tratta di Porta NapoliPorta RudiaePorta San Biagio. Ne esisteva anche una quarta, Porta San Martino, che però oggi non è più visibile poiché venne distrutta nell’800. Questa porta apriva la strada verso la marina di San Cataldo.

Assaggiare la cucina salentina

Impossibile visitare Lecce e dintorni senza mangiare. La cucina salentina, con tutte le sue specialità, è conosciuta ovunque e apprezzata da tutti. Le cose da non perdere? Rustico e pasticciotto, ma anche fruttoni e piatti tipici come ciciri e tria, pezzetti di cavallo al sugoturcineddhi e cotognata. Da accompagnare con del vino che in questa zona è ottimo.

Cose da fare a Lecce e dintorni: visitare il mare del Salento

Abbiamo già indicato le migliori spiagge del Salento  e il consiglio che diamo è quello di spostarsi da Lecce per andare alla scoperta del bellissimo mare che c’è nei dintorni, sia sul versante Ionico che sul versante Adriatico. Gallipoli, Otranto, Porto CesareoSanta Cesarea TermeSan Foca sono solo alcune delle mete da segnare in agenda.